Archivio mensile:dicembre 2012

La storia del Cape & Trade

Story of Cap&TradeSecondo lavoro della serie “La Storia delle Cose”.Questo nuovo video informativo di Annie Leonard affronta il tema delicato delle politiche ambientali, offrendoci uno sguardo critico ed illuminante sulla “buona fede” e la conversione all’ecologico di molte aziende e multinazionali

L’ambientalista americana spiegando la storia e la meccanica del “Cap & Trade”, che in italiano potrebbe essere tradotto come “Taglia e Scambia” del nuovo mercato del carbonio,racconta di come questo sistema del “cap-and-trade carbon markets” , un mercato nel quale si scambiano questi permessi di CO2 è insostenibile.

Questi permessi di emissione negoziabili sono delle trattative che permettono a Nazioni più industrializzate di vendere le emissioni a quelle più “pulite”(nel Terzo Mondo per esempio);Nell’immagine comune appare che queste Nazioni parlino  di come bisogna tagliare le emissioni di gas serra, ma in realtà, discutono di come scambiarsi le emissioni!

Esiste un modo per rinnovare la propria immagine e continuare ad inquinare e speculare sulle disgrazie provocate dai cambiamenti climatici?

 

 

Fonte: www.storyofstuff.com

 

 

Pensa e Arricchisci te stesso

pensa-e-arricchisci-te-stessoNapoleon Hill (Pound, 26 Ottobre 1883– South Carolina, 8 Novembre 1970)ha trascorso circa 20 anni ad intervistare le persone di successo del suo tempo.Il punto di svolta nella sua carriera avviene nel 1908, quando gli viene affidato il compito di intervistare l’industriale Andrew Carnegie, per una serie di articoli su degli uomini famosi.Hill scoprì che Carnegie credeva nel processo del successo e che esso poteva essere usato da qualsiasi persona. Questo fece colpo su Hill. Carnegie, allora, gli commissionò di intervistare oltre 500 uomini e donne di successo, molti di loro milionari, al fine di scoprire e pubblicare questa formula del successo.

Hill ha svelato, che  nella vita l’unica cosa che puoi controllare e’ la tua mente. Se puoi controllarla, puoi avere tutto quello che desideri. “Qualunque cosa la tua mente può concepire e credere, può realizzarlo”.

Per dimostrare questo, Napoleon Hill all’interno del suo libro descrive nel dettaglio i 13 passi fondamentali per raggiungere il successo personale:

  1. Il desiderio.
  2. La fede.
  3. L’auto-suggestione.
  4. La conoscenza specialistica.
  5. L’immaginazione.
  6. La pianificazione.
  7. La decisione.
  8. La tenacia.
  9. Il potere della mente superiore.
  10. L’entusiasmo.
  11. Il subconscio.
  12. L’intelletto.
  13. Il sesto senso.

L”ispirazione diretta per questo libro è senz’altro stato Andrew Carnegie. Lui voleva dare al mondo una filosofia del successo. Per cui ha scelto Naponeal Hill a svolgere questo impegno e Hill lo ha completato molto bene.

Questo libro può essere considerato  Il libro di Crescita Personale per eccellenza; non solo perché è stato il primo nel suo genere ad essere prodotto, ma anche perché i concetti contenuti all’interno delle sue pagine sono stati riutilizzati dalle centinaia di libri di crescita personale scritti nell’ultimo secolo.

La storia delle cose

story of stuff

 

In questo breve filmato Annie Leonard espone in modo diretto ed efficace importanti problematiche all’ordine del giorno,esplorando alcune delle caratteristiche fondamentali del nostro rapporto con le cose, riguardo l’attuale sistema di produzione delle cose basato sul consumismo più esasperato e le catastrofiche conseguenze che ne derivano a livello planetario.

“The Story of Stuff” espone le connessioni che ci sono tra un gran numero di questioni ambientali e la nostra società consumistica dove ci vengono nascoste alla vista le fasi della produzione, dall’estrazione fino allo smaltimento,e ci chiama a stare uniti insieme per creare un mondo più sostenibile e giusto.

Qui di seguito il filmato:

fonte: http://www.storyofstuff.org/

Eugenetica e Bill Gates

bill gatesDurante una conferenza TED (sono conferenze su tecnologia, intrattenimento e design) nel febbraio 2010, Gates ha dichiarato che i vaccini sarebbero stati usati per ridurre la popolazione mondiale e abbassare le emissioni di CO2- allarmante considerando il fatto che la fondazione Bill e Melinda Gates finanzia la produzione e la distribuzione di vaccini al terzo mondo.

Sostenendo che la popolazione mondiale sta raggiungendo i 9 miliardi, Gates disse: “se noi facessimo davvero un ottimo lavoro con nuovi vaccini, cure medico sanitarie, servizi medici di riproduzione, forse potremmo avere una riduzione del 10 o del 15 %.”

Un po’ come se un miglioramento delle cure sanitarie e dei vaccini, che si suppone salvino vite, porterebbe a una diminuzione della popolazione mondiale: é un ossimoro, a meno che Gates non si stesse riferendo ai vaccini per sterilizzare le persone, che è precisamente lo stesso metodo propugnato nel testo del 1977 Ecoscience scritto dal consigliere scientifico della Casa Bianca John P. Holdren, il quale parla di un “regime planetario” dittatoriale per mettere in atto misure draconiane al fine di ridurre la popolazione attraverso l’uso di ogni sorta di tecniche oppressive, sterilizzazione inclusa.

In verità, come ha rivelato Mike Adams di Natural News, uno degli attuali progetti della fondazione Gates ruota intorno al finanziamento di un “programma di sterilizzazione che userebbe penetranti raffiche di ultrasuoni dirette sui testicoli dell’uomo per renderlo sterile per sei mesi”.
“Ora, la fondazione sta finanziando un nuovo programma “ consegna di un vaccino che si attiva con la sudorazione” basato su nano particelle che penetrano la pelle umana.” scrive Adams, “la tecnologia viene descritta come un mezzo per “sviluppare nano particelle che penetrano la pelle attraverso i follicoli dei peli e che a contatto con il sudore umano si attivano per rilasciare i vaccini.”
Il sostegno del fondatore della Microsoft alle giurie della morte é un’ammissione scioccante, ma fa impallidire se si considera che Gates, uno degli uomini più ricchi del pianeta, che è solito incontrare altri miliardari per discutere sugli sforzi da fare per ridurre la popolazione, ha pubblicamente dichiarato la sua intenzione a usare miliardi di dollari in vaccini per finanziare la diminuzione della popolazione mondiale nel terzo mondo, scopo che potrebbe essere raggiunto qualora i vaccini fossero progettati per sterilizzare forzatamente le persone, ovvero senza il loro consenso, o provocare aborti forzati.

“Sarà il decennio dei vaccini” dichiarava Bill Gates alla fine di gennaio al World Economic Forum di Davos, promettendo una donazione di 10 miliardi di dollari per promuovere la campagna di vaccinazioni dei bambini nei paesi in via di sviluppo. “La ricerca medica” ha aggiunto il fondatore di Microsoft “renderà possibile di salvare la vita di tanti bambini, come mai prima”.

Non esistono molti margini di interpretazioni, anche perché la soluzione proposta da Bill Gates  è molto precisa. L’aumento di CO2, spiega Gates, sarebbe causato proprio dalla popolazione mondiale in continuo aumento.

Ebbene, chi si è convinto della svolta filantropica di Gates farebbe bene ad ascoltare il suo intervento alla conferenza della non-profit TED2010 dello scorso febbraio, dal titolo Innovating to zero! La promessa da dieci miliardi rimane. I vaccini pure. Lo scopo dichiarato di Gates, invece, differisce ‘leggermente’. Insomma, mentre a Davos Bill Gates prometteva di salvare otto milioni di Bambini, ora dichiara di voler ridurre la sovrappopolazione mondiale. Ecco un estratto:

 

Fonte: http://www.stampalibera.com